giovedì 1 agosto 2013

Siamo tutti dei Momò-ni

Lo conosco ormai da più di 10 anni, vive a Roma e adora gli animali, specialmente i coniglietti, che ospita liberamente nel suo giardino. Ha fatto tv, ma non per questo si è montato la testa. Il nostro è un rapporto stabile, non ci frequentiamo così spesso, ma so che (dietro prenotazione) posso sempre contare su di lui. E’ stato presente a molti miei eventi speciali, primo fra tutti la mia laurea, ma anche a compleanni o semplicemente per piacevoli serate. In questi anni è cambiato, ma sempre in meglio, fino a poco fa quando è diventato a tutti gli effetti il primo per me!

Questo è l’identikit che calza a pennello per il Momò Republic, non un locale, ma la polifunzionalità che ruota intorno al cibo. Con il suo ultimo make-up, un’adorabile piscina al cui bordo è possibile cenare ed essere solleticati da coniglietti selvatici, ha davvero chiuso il cerchio sulla lunga lista di check di chi si chiede “e questo ce l’ha?”. Volendole elencare, non essendo mio malgrado neanche una parente alla lontana dei proprietari, sicuramente so che me ne dimenticherò qualcuna. 

Ma tentar non nuoce.

Si parte con un’ambientazione da favola, una villa con giardino immersa nella città di Roma (se Nerone l’avesse vista la storia sarebbe andata diversamente); un arredamento tanto informale quanto elegante; fuori in giardino è possibile mangiare e bere su divani enormi o in tende bianche illuminate, accompagnati dalla musica di una band; la domenica viene ospitato un mercatino e il brunch ha tutto un altro sapore; un'apetta rigorosamente brandizzata che eroga gelati; la giostra con i cavalli (ci pensate? una-giostra-con-i-cavalli!). E infine, dulcis in fundo, ora anche la piscina.



 



 Vittoria a mani basse!


E per chi resta a Roma il Momò è davvero la risposta!

Posta un commento